Free CSS Navigation Menu Designs 1 at exploding-boy.com

FARRO DELLA GARFAGNANA

Il Farro della Garfagnana I.G.P. - Regolamento di approvazione Reg. CE n. 1263/96 (GUCE L.163/96 del 2 luglio 1996). Il farro  è il cereale più antico fra tutti quelli pervenuti fino ai nostri giorni, coltivato già nel settimo millennio a.C. in Mesopotamia, Siria, Egitto e Palestina. In Garfagnana la coltivazione del farro non ha mai subito interruzioni nel tempo come nel resto delle zone interessate alla sua coltivazione.  Il farro della Garfagnana viene coltivato su terreni poveri di elementi nutritivi, in una fascia altimetrica fra i 300 e i 1.000 m s.l.m.. La semina avviene in autunno, su terreno precedentemente preparato, utilizzando un partcolare seme vestito derivante dalla popolazione locale di Triticum dicoccum. La produzione di farro della Garfagnana avviene, secondo le tradizioni della zona, senza l'impiego di sostanze e concimi chimici, risulta infatti un prodotto sostanzialmente biologico.  Le aziende interessate alla coltivazione del farro sono oggi circa 80-90, per una superficie complessiva che si aggira intorno ai cento ettari. L'ampiezza media è assai limitata, molte aziende coltivano meno di un ettaro, mentre circa il 10% coltiva una superficie superiore ai tre ettari.
(Fonte: Arsia Toscana)

PAGINA PRECEDENTE

phpMyVisites: sistema opensource di statistiche per web in PHP/MySQL, basato su licenza GPL. Statistics

INDEX